Via Traversa

Via Traversa

Ho cominciato la serie di facciate “low-relief” che andrà a costeggiare la ferrovia! Lo spazio a disposizione tra la stazione e il primo ponte non è proprio sacrificato, quello che invece è ridotto è la profondità. Dal momento che mi ero inventato due tipi diversi di muro a strapiombo sui binari anche la profondità varia da un minimo di 5 cm a un massimo di 8 e siccome nella parte più profonda vorrei che ci passasse anche una piccola strada senso unico, gli edifici sono profondi al massimo 3 centimetri. Ben poco per fare chissà cosa, ma sufficienti per creare un po’ di dinamicità, naturalmente anche se sono ispirati a edifici realmente esistenti alcune dimensioni sono state per forza adattate alla situazione.

traversa_00

La via è stata battezzata come Via Traversa e sarà idealmente divisa in due, ovvero una parte carrabile e una parte esclusivamente pedonale che collega la stazione a un’altra strada immaginaria posta a metà della prima serie di facciate.

traversa_01

È da un pezzo che ho deciso di cambiare taglierino e trovarne uno con il quale far meno fatica tagliare il cartoncino, certo il taglio laser sarebbe l’ideale ma significherebbe perdere troppo tempo a disegnare con precisione le aperture e gli incastri… preferisco un metodo più creativo applicando il disegno direttamente sul supporto, eventualmente da modificare al momento… Insomma, armato del solito strumento ho tagliato i pezzi e con gran fatica tutte le 82 aperture tra portoni e finestre.

Prima di procedere con tutte le decorazioni, fregi, balconi e quant’altro, ho fatto qualche prova di posa in opera, visto che oltre allo spazio esiguo in profondità nel vicolo ci sono variazioni in altezza rispetto al piano strada della stazione.

traversa_03

Non volendo un aspetto proprio “piatto” dell’insieme ho trovato un condominio che faceva al caso mio, con una serie di variazioni che hanno dato quel giusto movimento che cercavo.

traversa_02

traversa_05

Una volta risolti tutti  i problemi geometrici sono partito con la decorazione delle facciate con cartoncini di vario spessore recuperati dalle scatole delle merendine… la panza ringrazia.

traversa_04

Ormai i metodi e le tecniche costruttive che uso sono sempre le stesse: per il condominio di mezzo ho usato la solita texture a mattoni (schiarendola prima di stamparla) che ho già usato per la casa a destra della stazione e per il ponte su Bosco Atro. I decori intorno alle finestre dell’altro edificio sono sempre i soliti clonati in resina (vedi qui), le balaustre dei balconi sono sempre fatti con stuzzicadenti decorativi.

traversa_06 traversa_07

Le vetrine del negozio di articoli indefiniti e potenzialmente assolutamente inutili, il portone d’ingresso, l’atrio e le finestre sono fatte un po’ a computer, un po’ in cartoncino, acetato e carta con l’arricchimento di una saracinesca traforata realizzata durante il mio primo esperimento di  fotoincisione.

traversa_08 traversa_09traversa_10

Per fissare bene la texture a mattoni applicata con colla spray, ho dato una passata generale di trasparente opaco, sempre in bomboletta.

traversa_11

Ora tutto l’insieme comincia ad avere un aspetto convincente anche se manca ancora parecchio lavoro…

traversa_12 traversa_13 traversa_14 traversa_15

Fine prima parte…

Currently On My Stereo: TUBEWAY ARMY “ARE FRIENDS ELECTRIC?”