Sbatti il plastico in prima pagina

Sbatti il plastico in prima pagina

Parafrasando il film del 1972 con Gian Maria Volonté, sul marciapiede di fronte all’uscita della stazione non poteva certo mancare un’edicola. Non avendo nessuna intenzione di comprare chioschi già fatti, nel poco spazio a disposizione -solo 5,5 x 3 cm- mi sono affidato ai soliti materiali: cartoncino, acetato, plasticard, computer e stampante…

L’EDICOLA IN SCALA H0

Per prima cosa ho ricostruito a computer le vetrine laterali e quella posteriore basandomi su una foto fatta a un’edicola vera (lo so, lo so, le riviste avrebbero dovuto essere tutte anni ’80, ma sono talmente piccole che non si vedono nemmeno). Il principio costruttivo “a sandwich” è lo stesso delle finestre di questi edifici cioè composto da più strati sovrapposti in quest’ordine: cartoncino da 1 mm di base, stampata della vetrina, foglio di acetato, seconda stampata della vetrina ma con la parte vetrata eliminata con un bisturi. Tutto incollato con colla spray.
In seguito ho riprodotto la struttura con cartoncino da 2 mm e montanti 2×2 in plasticard.

001

La tenda da sole è stampata su carta normale e ritagliata. In seguito con un pennarello verde ho colorato i bordi bianchi della carta e l’ho incollata su una struttura a bracci fatta con profili di plasticard, come le tende vere.

003

Sempre con cartoncino ho realizzato il tettuccio e le spallette laterali apribili all’interno delle quali ho applicato una serie di riviste e quotidiani piegati, poi ho assemblato tutti i pezzi. La parte più impegnativa sta nel comporre tutte le riviste e i quotidiani normalmente esposti in un’edicola anche se una volta cominciato il lavoro si finisce in fretta.

002

Come dicevo, non sono stato troppo a guardare le annate delle riviste data la loro dimensione però in ogni edicola che si rispetti ci vogliono delle locandine. Visto che quelle si vedono eccome, le riviste hanno dovuto rispettare per forza una certa epoca, così come il logo del vecchio quotidiano “La notte”.
Ed ecco finita l’edicola:

004 005

006

Non poteva mancare la locandina della mia rivista preferita, anche se il primo numero risale al 1988, ma non fa nulla… Ne ho messa anche una pila in bella vista accanto ai quotidiani.

007 009008

Infine ho posizionato l’edicola al suo posto in attesa… dei pendolari! Eccola in tutti i suoi difettucci evidenziati dalle foto macro.

010 011

Come ultimo dettaglio, un microled smd nascosto all’interno assicura la luce in serata…

sforza1 edi1

Currently On My Stereo: FABRIZIO DE ANDRÉ “CREUZA DE MÄ”