Prima pietra a Pietrariva

Prima pietra a Pietrariva

Pietrariva comincia a prendere forma. Il microscopico borgo ligure ispirato a Vernazza e grande soltanto 78 x 46 centimetri comincia pian piano a essere costruito. Dopo un attento studio delle forme e degli spazi le case e il fabbricato viaggiatori dalla forma inusuale sono tutte realizzate al grezzo in cartoncino vegetale da 2 mm, tutte di forme diverse e poco ortogonali tra loro assieme a una serie di scalinate, realizzate dando nuova vita al cartoncino ondulato delle brioches, indispensabili per garantire l’accesso alle case in situazioni come questa dove le case si arrampicano.

pietrariva01 pietrariva02 pietrariva03

La stazione ha la caratteristica di avere un’unica banchina posta tra i binari di corsa accessibile dal sottopassaggio nell’area pedonale sottostante. La larghezza dell’intero marciapiede è di soli 8,5 cm, con il fabbricato viaggiatori che di conseguenza ha dovuto essere “strizzato” rispetto a quello preso come modello ispiratore anche se ne conserva quasi tutte le caratteristiche. Presente anche un terzo binario adibito a ricovero ma ormai in disuso da anni.

pietrariva08 pietrariva10 pietrariva09 pietrariva07 pietrariva06

Il portale della galleria Lungacque è a doppia canna ed è stato costruito con una bella colata di cemento grigio assieme al raddoppio della linea (nella finzione, naturalmente). È tutto in cartoncino ed è abbastanza largo da permettere ai marciapiedi di proseguire all’interno delle singole canne.
Unico superstite della linea storica è il portale della galleria Gorsezio I a singolo binario in pietra locale, realizzato con una serie di texture fatte a computer sulle quali successivamente ho ripassato le fughe con un punteruolo, con lo stesso principio del pavé milanese.

pietrariva04 pietrariva11 pietrariva12 pietrariva013

Currently On My Stereo: PJ HARVEY “THE GARDEN”