Ponte a 7 archi su Bosco Atro

La parte del plastico dedicata all’area dei Giovi comprende un ponte in muratura leggermente in curva che scavalca un bosco dal nome poetico di Bosco Atro (si, il nome proviene da Il Signore degli Anelli e… no, non ci metterò né Frodo né la Compagnia). Inizialmente l’idea era quella di costruirlo interamente in forex, incidendo i mattoni uno ad uno, ma appena mi sono reso conto delle dimensioni e della quantità di mattoni da incidere ho lasciato perdere: ci avrei rimesso la vista! Ho scelto quindi una soluzione più veloce, più pigra, ma dal mio punto di vista più pratica: mi sono procurato da slatersplastikard.com dei fogli di plasticard riproducenti dei mattoni già in scala e li ho usati per rivestire una struttura costruita in forex.

Prima ho costruito i piloni uno ad uno tagliando il forex con un taglierino (uno di quelli grossi), poi sono passato alle fiancate del ponte incidendo gli archi con un seghetto da traforo.

 

La parte in mattoni sotto gli archi ho provato a farla in… carta. Per risparmiare non ho usato il plasticard mattonato ma una stampata di mattoni fatta a computer. Devo dire che il risultato non è male e che una volta data una leggera mano di sporcatura i mattoni finti si mimetizzano benissimo con gli altri.

 

Assemblati i piloni con le fiancate e fatta una prima prova di posa in opera sono passato alla riproduzione delle cornici (fatte in cartoncino) e delle pietre per gli angoli. Gli angoli sono fatti con il solito cartoncino Fabriano F4 inciso con un punteruolo e ritagliato uno dopo l’altro. Ho fatto lo stesso con le pietre delle arcate e una volta incollate alla struttura il ponte comincia ad avere un certo aspetto.

 

A questo punto ho dato una passata di colore grigio alle pietre e una passata dello stesso grigio ma molto diluito per far risaltare i mattoni e contemporaneamente schiarirne un poco l’aspetto. Poi con della vernice bianca ho cercato di riprodurre le macchie di salnitro e umidità che si creano normalmente… ed ecco il risultato:

Con un colore verde scuro ho poi riprodotto qualche infiltrazione e con del nero molto diluito ho dato qualche sfumatura qua e là. E ho cominciato a dare una base di vegetazione infestante. Il tocco finale lo darò appena completerò il ponte con dettagli come cavi vari, pali della catenaria e quando comincerò a creare un po’ di vegetazione nel bosco… Alla fine pensavo di dare una passata di aerografo per evidenziare certi particolari ma alla fine il risultato mi piace anche così.

 

 

Ora il ponte è in opera sul plastico…

 

AGGIORNAMENTO DEL 26/1/2023

Ebbene non ho resistito, nonostante avessi scritto che sotto il ponte non avrei messo né Frodo né la Compagnia… Ben nascoste e mimetizzate si riconoscono alcune sagome familiari. Gli appassionati di Tolkien e del Signore degli Anelli sanno che il Bosco Atro non è proprio una località di villeggiatura, chi lo conosce sa che non si deve mai abbandonare il sentiero. Oltre a una compagnia di Nani in viaggio verso Erebor, alcuni raccontano di aver visto passare di là una certa Compagnia, anche se il Bosco non è sulla strada per Mordor… Ma di tutto questo i treni in transito non ne sanno nulla e passano lo stesso, anzi, forse il motivo per cui la Compagna sta passando proprio da lì è proprio per guardare un po’ di treni!

 

Currently On My Stereo: M.I.A. “PAPER PLANES”

 

2 thoughts on “Ponte a 7 archi su Bosco Atro

  1. Ona Reply

    buongiorno,
    se le faccio altri complimenti penseranno che sono pagato, invece mi può dire se i mattoni plasticard che misure hanno? In particolare quelli più lunghi sono 3 mm x 1 mm?

    La mattonata fatta al computer, con quali strumenti? Scusi, io sono ancora alla manualità più totale, non conosco tecniche e software al pc, le sarei molto grato se mi introducesse in questo settore.

    I mattoncini li faccio da me come le tegole, più realistici ma, per piccoli superfici, in affetti per superfici grandi i sui due etudi mi sembrano necessari.

    In particolare non ho problemi con gli spessori dei materiali, scendo abbondantemente sotto il mm. Ma, ho problemi sulle larghezze per esempio finestrature sala HO, a mano sotto il mm per le cornici delle vetrate non ci vado. Ho fatto finestre in perfetta scala solo con carta e plastica trasparente (quella delle buste commerciali), praticamente perfette. Ho bisogno di larghezze da o,75-0,59 e 0,25 mm, allora da profano del pc ho immaginato di stampare finestrature attraverso un qualche software (quale, roba facile) per disegnarle con gli spessori di cui sopra e stamparli direttamente su materiali trasparenti. Insomma due piccioni con una fava. Mi da una mano? Grazie per la sua cortese risposta.

    • daTrains Post authorReply

      Ciao, i mattoni li dovrei misurare perché non ricordo a memoria le dimensioni. Mi pare che siano lunghi circa 4 mm. Forse sul sito Slater’s Plastikard trovi qualche informazione in più.
      I mattoni sono fatti a computer con Photoshop partendo da una texture modificata cromaticamente sempre con Photoshop. Il programma è professionale e non riuscirei a spiegarti come funziona tramite blog o email. Esistono sicuramente programmi più semplici e freeware ma sinceramente non saprei quale consigliarti.
      Ti consiglio di usare il plasticard (Evergreen o Plastruct) iinvece ti sconsiglio di stampare i profili delle finestre direttamente su fogli trasparenti (acetato) a meno che non ti rivolgi a una stamperia professionale. I risultati delle stampanti da casa non sono molto buoni su acetato.

Lascia un commento