Muro di mattoni "vissuto"

Muro di mattoni “vissuto”

Secondo me una delle cose più difficili da rappresentare dopo la posa verosimile della vegetazione sui plastici sono i muri sporchi. Non sono mai stato in grado di riprodurre al meglio un muro di mattoni molto sporco con tutti i microdettagli che lo caratterizzano. Seguendo un’ispirazione francese ho provato partendo da un materiale che si incide facilmente (forex o carton-plume) passando all’uso del DAS, dello stucco, eccetera… alla fine ho capito che la mia pazienza e i miei occhi non sono fatti per quel genere di lavori perciò ho deciso di adottare una tecnica semplice e che tutto sommato mi dà risultati accettabili, almeno secondo i miei canoni.

Non volevo passare direttamente a un foglio stampato, piatto e relativamente veritiero come avevo provato a fare per alcuni portali del vecchio plastico, perciò ho trovato dei fogli in plasticard già incisi in modo da avere una base di tridimensionalità (assortimento Slater’s Plastikard).

00  03

Certo, evitando l’incisione di ogni singolo mattone il lavoro si velocizza, ma resta il problema della colorazione. Tanto per cominciare come colori ho deciso di usare i barattolini Humbrol: nel mio caso ho proceduto dando prima una mano generale di “color mattone” opaco poi qualche mattone colorato in tonalità leggermente più chiara con un pennello a punta molto fine seguito da un lavaggio in nero opaco molto diluito in acquaragia (praticamente acqua sporca). A questo punto ho usato il bianco, sempre molto diluito, per far risaltare in modo irregolare le fughe strusciando dopo 10-15 minuti un pezzo di carta assorbente da cucina per togliere l’eccesso di bianco dalle facce dei mattoni.

04 05

In seguito ho fatto un altro passaggio in nero per smorzare le zone troppo chiare, poi un’altro ancora ma questa volta meno regolare e dall’alto verso il basso. Ho cominciato anche a segnare delle colate di sporco usando sia nero sia verde molto scuro ma anche bianco, essenziale per le chiazze di umidità, ricordando che l’importante è tenere sempre sottomano qualche foto di un muro vero cercando di starci dietro il più possibile.

06

00

07

Nel caso di muro rasente la ferrovia ho preso l’aerografo e lo stesso color ruggine applicato a rotaie e massicciata l’ho dato molto leggermente anche alla base del muro stesso. Per ultimo ho applicato al muro un po’ di erbacce composte principalmente da “turf” (gommapiuma tritata finissima) della Heki e Woodland Scenics avanzato e mischiato in vari colori. Magari avendo cura di posizionarli in modo strategico per camuffare qualche giunzione o qualche angolo.

02

03

01

Ecco, il risultato è senz’altro perfettibile e le erbacce vanno ancora sistemate un po’ ma ha già raggiunto un livello accettabile per i miei gusti e soprattutto per le mie capacità! Niente di paragonabile a certi capolavori che si vedono in Rete…

Le foto di questa pagina si riferiscono al Fascio sud del mio plastico. Altre foto e particolari della costruzione sono nella pagina dedicata.

Currently On My Stereo: Каста “Вокруг Шум” (Kasta “rumore intorno” On Youtube)