Galleria Collevento

Galleria Collevento

collevento_plateLa galleria Collevento si trova nei pressi del Bosco Atro, subito dopo il viadotto ad archi presente nell’area dedicata al valico dei Giovi sul mio plastico. Il nome è di fantasia, ispirato da J.R.R. Tolkien con il raccolto Il Signore degli anelli tuttavia il portale ne ricorda uno realmente esistente nei pressi di Mignanego (Genova) sulla linea Succursale.

collevento__01

La metodologia costruttiva è molto simile a quella usata per costruire la galleria Bosco Atro: le forme sono state ricavate da foto dal vivo e come prima cosa ho disegnato un’ellisse che comprendesse i due binari (con interbinario di 48 mm) e il passaggio di locomotive con pantografo alzato, successivamente ho applicato il disegno a differenti dime in cartoncino finché non ho trovato le misure e le proporzioni più soddisfacenti.

collevento__03 collevento__04 collevento__05

Il portale e le spallette sono costruiti con struttura in cartoncino da 2 mm e vari fogli con riproduzione di pietre irregolari Vollmer (art. 46043) stampato in rilievo arricchito da alcuni dettagli in cartoncino vegetale e camminamenti laterali. Anche in questo caso ho scelto questa strada perché dovendo scegliere tra l’incisione di forex o gesso e il cartoncino “embossed”, cioè in rilievo, il risultato finale di quest’ultimo mi ha convinto di più.

collevento__06

Per il coronamento in mattoni ho usato di nuovo fogli di plasticard dell’inglese Slater’s Plastikard (art. 0401) lavorati a cutter per seguire la conformazione dell’imboccatura. Ho usato lo stesso foglio di mattoni anche per il rivestimento interno e sono passato alla verniciatura con diverse tonalità di marrone e arancione per cercare di dare un effetto mattone convincente prima della sporcatura. La targa con il nome è fatta a computer.

img_7361 img_0120b img_7587

Infine ho incollato il portale al suo posto, ho aggiunto la rete di protezione superiore e pian piano è stato avvolto dalla vegetazione circostante.

img_0792 img_7934 img_7467 img_1178

Currently On My Stereo: EXPLOSIONS IN THE SKY “WELCOME GHOSTS”